Nuovo locale inaugurato in occasione della festa di San Cristoforo

Domenica 23 luglio la parrocchia di San Cristoforo in Fano ha festeggiato solennemente il suo patrono. Ad aprire il programma del pomeriggio è stata la Santa Messa presieduta dal vescovo Armando Trasarti, il quale ha commentato le letture del giorno invitando i presenti non dar peso alla discordia, correndo il rischio di diventare dei giudici, ma a superarla con la quotidiana semina del bene. La liturgia si è conclusa con la tradizionale benedizione dei viandanti e, in particolare, dei conducenti, di cui San Cristoforo è protettore.

Al termine della celebrazione, ci si è spostati in oratorio dove, poco prima di sedersi a tavola, ci si è raccolti per inaugurare il nuovo salone realizzato proprio in questi ultimi mesi, in grado di accogliere un elevato numero di persone per i più svariati eventi. “Un’opera segno” che vanta numerose imitazioni, è stata definita da molti di coloro che hanno preso la parola prima del taglio del nastro. «Dobbiamo far parlar bene di noi anche le strutture, che invece spesso ci raccontano storie di abbandono», ha detto a tal proposito il Vescovo, che ha sin dall’inizio creduto, assieme al suo predecessore, al progetto dell’oratorio, divenendo da subito un facilitatore del suo sviluppo.

Soddisfatti anche il parroco don Mauro Bargnesi e il presidente dell’oratorio Giampaolo Mengucci, che hanno pensato di dedicare questo spazio a don Lorenzo Milani, a cinquant’anni dalla sua scomparsa. Un segno importante, che diventa al tempo stesso un impegno a dar seguito al pensiero del priore di Barbiana, per far diventare l’oratorio un luogo che, seppure con la sua identità, sia in grado di rappresentare una porta aperta al mondo.

La serata è poi proseguita condividendo anzitutto la fraternità e la gioia di stare insieme. Tanti i giovani che si sono adoperati, assieme alle famiglie, nell’organizzazione della serata, testimonianza viva di una parrocchia in grado di essere famiglia di famiglie anche (e soprattutto) in circostanze ordinarie.

MI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *