20 Agosto 2012 – I giovani in un campo “itinerante” alla ricerca dei sogni

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Questo campo si è tenuto dal 16 al 19 agosto 2012 a Camaldoli, La Verna e al lago Trasimeno assieme alla parrocchia di Sant’Apollinare in Lucrezia di Cartoceto.

Come al solito ci siamo ritrovati di buon mattino nel piazzale della chiesa e dopo le prime presentazioni siamo partiti alla volta della prima tappa nel nostro campo “itinerante”, nonché il Passo della Calla. Al nostro arrivo sul posto, gli educatori ci hanno svelato il tema che ci avrebbe accompagnato nei giorni successivi: “Sogna, ragazzo sogna!”, tratto dall’omonima canzone di Roberto Vecchione.

Quindi dopo aver pranzato abbiamo intrapreso il nostro sentiero e dopo tre ore di cammino siamo giunti alla seconda tappa: l’Eremo di Camaldoli. In questo luogo di culto, all’ombra dei grandi alberi che circondano le mura, siamo entrati nel vivo delle attività, perciò al motto del giorno: “Non fate riduzione sui sogni” Abbiamo provato a rispondere, inizialmente da soli, poi confrontandoci tutti insieme, a tre importanti domande: Cosa sogno? Come faccio a realizzare i miei sogni? Chi mi aiuta a realizzare i miei sogni? Per concludere in bellezza abbiamo visitato l’interno dell’Eremo, abitato dai frati. Quindi ci siamo diretti al campeggio, dove, piantate le tende e acceso il fuoco, abbiamo concluso la giornata con piada e salsiccia.

Il giorno seguente, dopo la colazione, siamo subito partiti per la terza tappa: casa “Suor Teresa” a La Verna. Ad accoglierci c’era suor Marta, dell’ordine delle Suore della Sacra Famiglia, che assieme ad altre tre consorelle gestisce questa struttura per i “soggiorni spirituali”; un posto davvero caldo e accogliente ai piedi del santuario di La Verna. Quindi poco dopo pranzo ci siamo diretti a piedi al santuario, un luogo ricco di spiritualità, visitato ogni anno da tantissimi fedeli e curiosi. L’atmosfera e soprattutto il continuo via vai di gruppi in visita colpiscono subito chi entra. Senza ulteriori indugi, a parte quelli per fotografare il bellissimo panorama, abbiamo iniziato la nostra visita guidata: partendo dalla biografia di san Francesco, al quale (secondo la leggenda) fu donato il monte dove oggi si erge il santuario, fino ad arrivare alla grotta (uno squarcio nella roccia dove si appoggia l’eremo). Tornati a casa, dopo una bella rinfrescata, una cena sostanziosa e una partita a “Lupi”, siamo andati finalmente a dormire.

L’indomani, infatti, avevamo un appuntamento al santuario con un giovane frate 24enne per sentire la sua storia. È stata una testimonianza davvero particolare, mi ha sorpreso il fatto che avesse deciso di entrare in convento all’età di 21 anni, anche se la sua vocazione era maturata addirittura alla fine delle superiori. Con molta naturalezza e gioia ci ha raccontato la sua vita e il suo percorso spirituale e teologico che sta compiendo; è stata una bella opportunità poterlo conoscere. Tornati a casa per il pranzo, e dopo esserci concessi un po’ di riposo, abbiamo concluso l’attività, iniziata con la testimonianza della mattina e, attraverso il motto del giorno “C’è un tempo per tacere e un tempo per parlare”, ci siamo raccolti ognuno per contro proprio per fare un momento di deserto. È stata un’occasione utile per fermarsi a pensare, considerando che nella frenesia quotidiana è difficile ritagliarsi dei momenti di silenzio. Quindi al termine di questo breve momento di riflessione personale abbiamo concluso l’attività seduti in cerchio assieme a suor Marta, che ci ha aiutato a comprendere meglio un passo dell’Antico Testamento e ci ha allietato con la sua presenza e con la sua gioia. Per cui, dopo aver preparato la cena, abbiamo trascorso in tranquillità la nostra ultima sera a La Verna.

E siamo già a domenica! Sveglia presto per poter essere subito operativi, cercando di lasciare meglio di come avevo trovato lo spazio che le suore ci avevano riservato, quindi dopo aver salutato e ringraziato suor Marta per la pazienza e l’ospitalità, siamo partiti per l’ultima tappa: il lago Trasimeno.

Vedi la galleria di foto

[/av_textblock]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *